Il progetto stoccafisso

Abituati come siamo a decantare la bontà e l'origine tradizionale del baccalà alla vicentina, dimentichiamo a volte quanto genuina e nutriente sia questa pietanza: ora è uno studio ad affermarlo,il primo nel suo genere, condotto dal Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione dell'Università di Padova congiuntamente a Il Ceppo, e presentato lo scorso 10 Dicembre a Roma al XVI Corso Nazionale ADI (Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica.

L'interessantissimo progetto di ricerca ha analizzato le proprietà nutrizionali dello stoccafisso come materia prima (merluzzo nordico essicato) e di tre sue versioni "lavorate": il baccalà alla vicentina, il baccalà mantecato e l'insalata di baccalà. Molte le informazioni che ne sono scaturite: lo sapevate ad
esempio che con 100 g di Baccalà mantecato o Baccalà insalata si raggiunge il livello adeguato di assunzione di vitamina E (proprietà benefiche antiossidanti, immunostimolanti, protettive dei tessuti cellulari in particolare della retina)? E che con 140 g di Baccalà alla vicentina si raggiunge il livello
adeguato di assunzione di acidi grassi polinsaturi omega-3 (proprietà benefiche sul sistema cardiocircolatorio e cerebrale)?

Come dire, a volte il piacere della buona cucina va di pari passo con un'alimentazione sana e corretta !
Per leggere il file PDF completo dello studio, potete cliccare sul link seguente:
SCARICA LO STUDIO SULLO STOCCAFISSO

Buon Baccalà a tutti !